trade marketing kumaux

Cè un gran parlare delle statistiche che mostrano la crescita a livello mondiale e nazionale del valore del commercio elettronico. L’e-commerce permette di relaziona la propria offerta con chiunque nel mondo. Questo significa la fine del trade marketing? Non proprio, anzi assolutamente no; anzi la combinazione fra trade marketing e inbound marketing è decisamente premiante.

Chiariamo subito, a scanso di qualsivoglia equivoco, di cosa parliamo quanto citiamo il trade marketing: è quella parte, disciplina del marketing che viene utilizzata per creare una campagna di marketing per e attraverso la propria rete vendita (negozi, distributori, grossisti, retailer, importatori…). Si tratta di focalizzare l’attenzione e lo sforzo di marketing sulla rete di collegamento con l’utilizzatore finale. Il Trade Marketing è fondamentale per assicurare il successo di un’azienda e di un prodotto. Essere presenti sul mercato con una rete distributiva efficace e motivata è indispensabile perchè il prodotto arrivi al consumatore nel migliore dei modi.

La crescita dell’importanza del marketing digitale e dell’inbound marketing rende però necessario per le aziende considerare di utilizzare tattiche e tecniche inbound anche nel creare campagne di trade marketing. Una catena distributiva più solida e più grande è uno degli obiettivi di quello che chiameremo inbound trade marketing.

Questa strategia si basa su alcuni principi:

  • studio e conoscenza delle abitudini della rete vendita
  • ottimizzazione e velocità di comunicazione con la rete vendita
  • differenziazione dei messaggi secondo target specifici

Logicamente tutte le tattiche di inbound marketing associate al trade sono configurate come tecniche B2B, dato che gli interlocutori sono figure professionali. Quando funziona l’inbound trade marketing? Quando l’azienda ha creato una comunicazione digitale coerente rispetto alla propria offerta. In altre parole, c’è bisogno di ottimizzare la presenza sul web dell’azienda e della comunicazione di prodotto, per trovare il modo di relazionarsi e incontrare gli stakeholder di rete online (distributori, agenti, grossisti…). Questa fase di “incontro” dovrà essere monitorata ed analizzata attentamente per valutare gli interventi di modifica sia al proprio impegno inbound, sia alla rete distributiva.

Ciascuna azienda che deve operare secondo una logica di rete distributiva, concentra molti sforzi nel creare elementi della catena efficiente e in grado di assicurare vendite e successo. Introdurre una componente di scouting in entrata per il mondo del trade marketing è forse l’ostacolo più aspro. La componente digitale in questa realtà vede un avvio lento, un’evoluzione a piccoli passi. Ciò che è importante sottolineare è che l’inbound marketing non si pone come sostituto nella costruzione della rete commerciale, ma crea i presupposti per integrare la campagna di trade marketing.

Collegare la propria campagna e analisi di trade marketing con una strategia di inbound marketing rende l’azienda più competitiva perchè produce un messaggio coerente e comunica maggior valore per il prodotto che si muove lungo la catena distributiva.

Per maggiori informazioni e per richieste visita la pagina CONTATTI o chiama il numero (+39) 0444 13 00 84

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *